Diffidare dai “consigli in ospedale”: non sono aiuti ma veri e propri inganni

Diffidare dai “consigli in ospedale”: non sono aiuti ma veri e propri inganni

La perdita di una persona cara ha conseguenze devastanti per chi resta non solo a livello psicologico ma anche fisiologico. Il lutto è sempre inaspettato e porta ad un indebolimento del sistema immunitario. E in questa situazione, sia in ospedale che in una casa di cura, si potrebbe incappare in persone che approfittano del momento di debolezza. Nella giungla delle imprese funebri, infatti, accanto ad operatori seri e coscienziosi si palesano dei veri e propri truffatori.

Spesso si spacciano per amici e simulano un cordoglio che non provano con la scusa di dare un supporto e dispensare suggerimenti. Un parere volto ad indirizzare le persone a rivolgersi a delle agenzie funebri a dei prezzi convenienti. Dei falsi consigli che portano dei vantaggi soltanto a chi li dà e non a chi li riceve. E’ da sette anni che la Giunta della Regione Piemonte ha bandito i cosiddetti “consigli in ospedale” tramite un’apposita norma (D.P.G.R. n. 7/R) dell’8 agosto 2012 che ha stabilito anche il regolamento che disciplina l’attività funebre.

I consigli per evitare di incappare in operatori funebri senza scrupoli

E’ sempre opportuno diffidare da chi contatta all’interno degli ospedali offrendo funerali o indicando una specifica impresa funebre. Non esistono infatti consigli disinteressati da parte di medici, infermieri, badanti o del personale para sanitario delle camere mortuarie. Inoltre è necessario non affidarsi ciecamente alla prima agenzia di pompe funebri con la quale si viene in contatto, specialmente se si è stati avvicinati subito dopo il decesso.

Nella scelta dell’impresa di onoranze funebri, inoltre, è opportuno valutare attentamente il grado di competenza e verificare di persona l’esistenza di mezzi e personale valutando anche se il servizio offerto corrisponde a quello richiesto. Sarebbe inoltre preferibile, quando possibile, delegare un famigliare meno coinvolto emotivamente nelle procedure per lo svolgimento di un funerale o in alternativa farsi accompagnare da una persona amica.

Leave a Reply

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: