Cerimonie religiose e laiche

La stanze della Casa Funeraria Aiassa sono ampie ed arredate in modo sobrio e decoroso. Sono prive di riferimenti di tipo religioso e sono adatte per ospitare i riti funebri religiosi o laici per l’ultimo saluto del defunto. La prima casa funeraria di Chieri, situata in via don Luigi Perosi 2, lavora rispettando il cerimoniale sia religioso, di qualsiasi confessione, che laico offrendo in tutti i casi la massima attenzione e professionalità.

Come avvengono le cerimonie funebri

Le cerimonie funebri possono essere religiose o laiche. In Italia il rito funebre religioso più diffuso è quello cattolico. Nella tradizione italiana si divide principalmente in tre parti. La prima è la contemplazione, o veglia, durante il quale il corpo del defunto è esposto nella bara. E’ quindi seguita dalla contemplazione funebre durante la quale il sacerdote celebra in chiesa la Santa Messa esequiale e la bara viene aspersa con acqua benedetta ed incensata. Subito dopo, invece, si svolge il funerale che si tiene a fianco della tomba o cappella o nelle vicinanze del “crematorium” dove viene il defunto viene sepolto o cremato.

Il funerale laico, come si svolge?

Il funerale laico, invece, è l’occasione per dare l’ultimo saluto alla persona cara senza riferimenti alle religioni.
Durante il funerale laico si celebrano la vita e gli affetti del defunto attraverso un breve racconto della sua vita accompagnato da musica e letture. Non vengono utilizzate quindi né le preghiere e né le letture religiose. Sono molto usati, invece, i testi delle canzoni perché sono conosciuti ed allo stesso esprimono dei pensieri profondi in modo sintetico e comprensibile. Il funerale laico può essere svolto da celebranti ad hoc, certificati ed adeguatamente formati per questa situazione, ma anche da un parente o da un amico del defunto. A differenza di quello religioso, nel funerale laico non esiste un cerimoniale particolare da osservar