Trasporto e custodia

La famiglia Aiassa si occupa di movimentare il feretro. La movimentazione riguarda tutte le operazioni che iniziano con il trasporto dal luogo del decesso. La salma viene quindi esposta nella casa funeraria Aiassa di via Don Perosi 2 per il commiato dei suoi cari e viene custodita in attesa del funerale per poi essere trasferita al cimitero o al tempio crematorio. I trasporti della salma vengono effettuati con l’auto funebre. Si tratta di veicoli specializzati per trasportare il defunto fino al luogo di sepoltura secondo il culto prescelto. L’auto funebre è un particolare autocarro allestito secondo la normativa vigente per rendere decoroso l’ultimo viaggio del defunto.

Gli automezzi del trasporto funebre

Il personale dell’agenzia di onoranze funebri segue quindi il feretro con altri automezzi. Il trasporto della salma può avvenire anche attraversando diversi Comuni e con la possibilità di effettuare delle soste. Questo perché il luogo del decesso non sempre corrisponde a quello della sepoltura o della celebrazione del rito. La famiglia Aiassa, titolare delle Onoranze Funebri La Cattolica, si occuperà delle pratiche burocratiche da seguire e delle eventuali autorizzazioni da chiedere senza dover aggiungere altre incombenze ai parenti del defunto, già provati dal dolore.

La normativa che regola il trasferimento della salma

Il trasporto dei defunti è regolato da una normativa che varia da regione a regione e che autorizza lo spostamento della salma da una struttura sanitaria o dall’abitazione privata alla casa funeraria e comunque da una struttura ad un’altra. Una volta spostato il defunto alla casa funeraria, personale qualificato provvederà ad allestire la camera ardente per permettere ai famigliari ed agli amici di dare un ultimo saluto al defunto. Il trasporto funebre termina quindi accompagnando la salma al cimitero per la cerimonia di sepoltura. Se la persona defunta si trova all’estero e deve rientrare in patria o viceversa, invece, solitamente viene proposto il trasporto aereo.